Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

Al mio via… scatenate l’inferno

Penso sempre di essere una donna forte e sicura di sé, convinta che certe cose non mi tocchino e invece… basta un semplice, primo colloquio con le maestre dell’asilo che è già panico!! Veramente quando mi hanno convocata ero molto serena, mi sembrava una cosa naturale. Ma quando la maestra si è profusa in spiegazioni per tranquillizzarmi, dicendomi che anche se ero una delle prime mamme che convocavano non c’era da preoccuparsi… ovviamente ho finito per farlo! Anche perché excusatio non petita accusatio manifesta, o no? Come mai volevano vedermi? Perché proprio me? Che cosa aveva combinato di così grave mio figlio? Dire che non ci ho dormito su per notti e notti è esagerato, ma mentre aspettavo fuori dalla sala riunioni covavo una certa tensione… Anzi oserei dire avversione, tipo quella di Signorini per la De Lellis! Io – che ho sempre pubblicamente rimproverato le mamme che difendono i figli anche contro l’evidenza – ero già sugli scudi di guerra pronta, per altro, a scusare mio figlio per ogni sua eventuale mancanza e a negare energicamente. Che cosa? Non lo sapevo neppure io, magari delle sue piccole colpe? In ogni caso l’imperativo era negare, NEGARE sempre! Insomma ero armata sino ai denti da far impallidire Schwarzenegger in Terminator. E alla fine?  Tutta sta preparazione psico-bellica per poi sentirmi dire che va tutto bene!!? Ma vi pare ammissibile? Neanche un difettuccio, un capriccio, un comportamento da rimproverare… O meglio quando mi avevano chiamata era perché Achille si ribellava e rispondeva sempre no, ma da allora al giorno del colloquio era già tutto passato e anzi ultimamente pare sia particolarmente collaborativo e impegnato… Quindi? Tanto rumore per nulla. Ho riposto, mestamente, nella fondina virtuale la mia Beretta calibro 9… e ho pensato: “Maestra?! Hai vinto la battaglia, ma non la guerra… l’anno scolastico è appena iniziato” e me ne sono andata. Comunque ho capito che mi aspettano anni duri: o Achille riga dritto a scuola o mi toccherà scendere in trincea e al mio grido … scatenate l’inferno!

A presto!
signature

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: